Vendere casa in primavera
 
5 AprMarketing

 

Vendere casa in primavera: 3 motivi per cui conviene


Vendere casa in primavera conviene?
Secondo molti, questa è la stagione ideale per le compravendite immobiliari. È necessario comunque una premessa: la stagione perfetta per vendere o comprare casa non esiste.
Al di là degli effetti della pandemia sul mercato immobiliare, ogni stagione ha infatti i suoi punti di forza e di debolezza e ogni abitazione ha la sua storia e le sue peculiarità. Tuttavia, diversi aspetti, in primi quelli climatici, fanno sì che in primavera solitamente e statisticamente avvenga il maggior numero di vendite.
Questo vuol dire che i mesi fra marzo e giugno rappresentano un periodo favorevole in cui la domanda e l’offerta trovano il miglior equilibrio.
Ma andiamo nel dettaglio: ecco 3 motivi per cui vendere casa in primavera conviene.

Vendere casa in primavera: metti in luce il tuo appartamento

Con la bella stagione tutto assume un’altra luce e, quindi, un aspetto migliore. La natura rinasce, i giardini condominiali e privati fioriscono, la stessa luce naturale che filtra dalle finestre valorizza gli ambienti come mai potrebbe fare l’illuminazione artificiale. Con la luce del sole primaverile tutto è più semplice: le tonalità cromatiche sono un assist incredibile per la realizzazione di fotografie straordinarie e per un lavoro di home staging produttivo.

In questo senso, un altro vantaggio di vendere casa in primavera è la possibilità di valorizzare e far risaltare anche gli esterni di un immobile: un giardino fiorito e ben curato è sicuramente un bel biglietto da visita in grado di stupire il futuro acquirente.

Vendere casa in primavera: la domanda incontra l’offerta

Ci sono vari motivi, legati ai trend di domanda e offerta del mercato immobiliare, per cui vendere casa in primavera è particolarmente redditizio. Tendenzialmente, in questo periodo dell’anno, aumentano i potenziali acquirenti. Ciò è dovuto al fatto che le famiglie solitamente cominciano a maturare l’idea di cambiare casa a inizio anno. E se i mesi invernali sono per lo più di osservazione e valutazione, mentre quelli estivi sono quelli in cui si tende a rimandare le decisioni, è nei mesi primaverili che statisticamente si concretizza l’interesse di chi vuole comprare casa.

A questo si aggiunga il crescente interesse degli italiani a cambiare casa, fotografato da diversi studi di settore, a seguito della pandemia: in tanti stanno ad esempio valutando di vendere il proprio bilocale o trilocale per trasferirsi in un più ampio e confortevole quadrilocale. Si tratta di un trend recentissimo, da osservare con attenzione per non perdere opportunità.

Vendere casa in primavera: aumentano gli appuntamenti

In primavera le giornate si allungano, il clima si fa più mite, e tutto ciò ha statisticamente impatto sulle visite dei potenziali acquirenti, che tendenzialmente aumentano rispetto all’autunno e all’inverno e in generale nei mesi dell’anno in cui le condizioni meteo sono più avverse.

La stessa organizzazione delle visite con l’aumentare delle ore di luce e delle temperature si fa più flessibile e quindi più facilmente gestibile. Ricordiamo, a questo proposito, che anche nelle regioni in “zona rossa” è consentito lo spostamento da un Comune all’altro per visitare un immobile da acquistare.

Come aumentare le visite e vendere casa in primavera al miglior prezzo? Serve un’attenta analisi di mercato, una strategia di valorizzazione dell’immobile e un piano di marketing e promozione efficace.
Vorresti saperne di più? Richiedi subito una valutazione gratuita.

 

« Torna all'archivio

Scegli come vendere casa
con noi puoi rilassarti
a ZERO PROVVIGIONI
.

Seguici sui nostri canali Social
Facebook Instagram Linkedin
© 2021 - Mediem Agency S.r.l. - V.le Beatrice d'Este 3/a - Milano - Cap. Soc. € 10.000 i.v. - P.IVA, C.F., R.I. di MI 08859990155 - REA di MI 1251042 - Privacy Policy - Cookie Policy