Vendere casa alla banca
 
3 Nov 2022 Guide

 

E' possibile vendere casa alla banca?


Vendere casa alla banca è possibile? In genere agli istituti di credito ci si rivolge per chiedere un mutuo per comprare casa. In pochi penserebbero invece di rivolgersi a una banca per vendere il proprio immobile.

Eppure, da oltre un decennio anche il nostro ordinamento ha previsto una tipologia contrattuale che consente di vendere una casa alla banca: si tratta del prestito vitalizio ipotecario. Una possibilità concessa dalla legge per facilitare chi si trova in difficoltà economica di accedere al credito.

Il prestito vitalizio ipotecario è particolare opzione esercitabile dalle persone che hanno già compiuto 60 anni e che consente di ottenere subito una somma di denaro dalla banca, continuando a vivere nella propria abitazione fino alla morte.

Vediamo insieme come si può vendere casa alla banca tramite il prestito vitalizio ipotecario, quali requisiti occorrono e quando conviene.

Come funziona il prestito vitalizio ipotecario

Il prestito vitalizio ipotecario è una soluzione dedicata a chi ha almeno 60 anni di età e consente di vendere casa alla banca ottenendo una liquidità immediata. È bene evidenziare che non si tratta di un’esecuzione forzata, ma di un atto volontario. Una vendita a tutti gli effetti, anche se con delle peculiarità.

Innanzitutto, è necessario scegliere l’istituto bancario a cui rivolgersi.
La banca a cui viene fatta la proposta verificherà la sussistenza di tutti i requisiti necessari ed effettuerà una perizia immobiliare per attestare il valore reale della casa tramite la valutazione neutrale di un perito.
Sulla base del valore stimato per l’immobile, la banca calcolerà l’ammontare del prestito da erogare al proprietario della casa. Le banche concedono al massimo un prestito di 350.000€ per un prestito vitalizio ipotecario.

In definitiva, chi vende casa alla banca ottiene subito una somma di denaro (il prestito vitalizio) calcolata in base al valore dell’immobile e continua a vivere sotto lo stesso tetto fino alla morte. Il principale vantaggio di questa opzione è che non ci sono rate da pagare, ma solo le spese di interesse in base al piano di ammortamento utilizzato.

Cosa succede alla morte del proprietario? Con il prestito vitalizio ipotecario, la banca apre un’ipoteca sull’immobile. Al momento del decesso, la banca prende possesso dell’immobile. A quel punto, le possibilità sono due: gli eredi possono riscattare l’immobile altrimenti la banca lo terrà in cambio del denaro che vi ha fornito e potrà decidere di rivenderlo.

I requisiti per vendere casa alla banca

Per poter vendere casa alla banca, bisogna essere in possesso di specifici requisiti:

- Aver compiuto 60 anni di età;

- Essere proprietari di un immobile di tipo residenziale;

- L’immobile in vendita non deve essere già ipotecato.

L’età del proprietario ha un peso importante sull’ammontare del prestito erogato: più una persona è anziana, più avrà la possibilità di ottenere una somma di denaro alta perché la banca non dovrà aspettare molto tempo per entrare in possesso dell’immobile.

Vendere casa alla banca conviene?

Hai più di 60 anni e vorresti vendere il tuo immobile. Conviene rivolgersi a una banca?
A meno che tu non sia in difficoltà economica e abbia urgenza di incassare liquidità o voglia evitare un pignoramento, faresti meglio a provare a vendere casa tra privati o con il supporto di un’agenzia immobiliare.

Vendere casa alla banca ha infatti i suoi vantaggi fiscali, ma non rappresenta un vero e proprio “affare” (se non per l’istituto bancario). Analizziamo assieme i pro e i contro.

Ecco i vantaggi di vendere casa alla banca:

- Ottenere subito una somma di denaro dalla banca senza dover pagare alcuna rata;

- Ci si gode il denaro ottenuto continuando a vivere sotto lo stesso tetto, senza dover traslocare o comprare/affittare un nuovo immobile;

- Ci sono agevolazioni fiscali previste dalla legge per chi ottiene un prestito vitalizio ipotecario dalla banca. In particolare, è prevista l’esenzione da: l’imposta di bollo, imposta di registro, imposte ipotecarie e catastali, tasse sulle concessioni governative.

Gli svantaggi di vendere casa a una banca

Di seguito invece gli svantaggi di vendere la tua casa a una banca:

- Non sarai tu a stabilire il prezzo dell’immobile, ma un perito incaricato dalla banca;

- Sono poche le banche che effettuano questo tipo di operazione o dovresti comunque trovare la banca interessata al tuo immobile;

- Le banche concedono un prestito massimo di 350mila euro, solo se si tratta di un immobile prestigioso;

- Se gli eredi volessero riscattare l’immobile alla morte del proprietario, dovrebbero ripagare alla banca tutta la somma del prestito concesso inclusi gli interessi.

La normale compravendita immobiliare ha ovviamente altre dinamiche e consente di ottenere una valutazione immobiliare tramite agenzia che tenga conto delle quotazioni attuali del mercato e di realizzare solitamente un maggior guadagno.

Diversamente da una banca, un’agenzia immobiliare ha tutti gli interessi a farti ricavare il più possibile dalla vendita del tuo appartamento.

Chi ha necessità di vendere il proprio immobile in tempi molto stretti e monetizzare subito, realizzando comunque un affare, può sempre rivolgersi a un Instant Buyer Immobiliare.

Ti ricordiamo che puoi inoltrare richiedere una valutazione immobiliare gratuita ai nostri consulenti per capire se la stima della perizia sia effettivamente congrua al valore del tuo immobile e scoprire quali altri opzioni hai per vendere casa al miglior prezzo.
 
  comprare casa vendere casa

« Torna all'archivio

 

 

© 2022 Mediem S.r.l. - Cap. Soc. € 10.000 i.v. - P.IVA, C.F., R.I. di MI 05203120968 - REA di MI 1803191 - Privacy Policy - Cookie Policy